venerdì 25 agosto 2017

5 anni fa ci lasciava Neil Armstrong

Il 25 agosto 2012 moriva improvvisamente Neil Armstrong, primo uomo a camminare sulla Luna nel luglio del 1969 durante la missione Apollo 11.

Cape Canaveral, luglio 2011



Mi piace ricordarlo con quello che recentemente ha rivelato il suo biografo personale, James Hansen:
"One story that Neil told me that he never told anyone else concerned a flight he took over North Korea while on a dawn combat patrol in 1951. Passing over a ridge of low mountains in his F9F Panther jet, Neil saw laid out before him rows and rows of North Korean soldiers, unarmed, doing their daily calisthenics outside their field barracks. He could have mowed them down with machine-gun fire, but he chose to take his finger off the trigger and fly on. As Neil told me, "It looked like they were having a rough enough time doing their morning exercises."  James Hansen, biographer of Neil Armstrong

Le parole illustrano meglio di ogni altra frase che uomo era Neil Armstrong, misurato anche durante la guerra in Corea. Pieno di umanità. Un Armstrong forse poco conosciuto per via della sua riservatezza. Un uomo mai scontato, mai banale, sempre misurato e modesto. Un vero esempio.

Sono felice di aver vissuto nel suo tempo, di averlo incontrato diverse volte, probabilmente l'incontro più importante della mia vita, dopo gli affetti famigliari.

Ci manchi sempre Neil. 
Luigi Pizzimenti





mercoledì 9 agosto 2017

Pillole di Apollo: Una scultura sulla Luna

La targa e la statuetta lasciata sulla Luna da Apollo 15

Per commemorare tutti gli astronauti e cosmonauti defunti, l'equipaggio di Apollo 15 ha voluto fare un gesto personale, privato e simbolico. Questo desiderio è stato rafforzato dalla morte dei tre cosmonauti sovietici durante il volo di Soyuz 11. Scott, durante una cena, aveva incontrato lo scultore belga Paul Van Hoeydonck, specializzato in temi spaziali e aveva discusso la possibilità di portare sulla luna qualcosa di simbolico. Da questa discussione è nata la decisione dell'equipaggio di Apollo 15 di portare sulla luna una piccola figura in alluminio scolpito fornita dall'artista Van Hoeydonck, insieme a una targa che elenca i nomi degli astronauti scomparsi. L'accordo dell'equipaggio con Van Hoeydonck era chiaro: non ci doveva essere uno sfruttamento commerciale o personale per questo memoriale.
L'equipaggio di Apollo 15, da six: Dave Scott, Alfred Worden e James Irwin


In una conferenza stampa dopo la missione, l'equipaggio ha segnalato la cerimonia commemorativa e, in linea con l'accordo, non ha rivelato il nome dello scultore.

L'artista Van Hoeydonck
Nel novembre 1971 l'istituto Smithsonian espresse il desiderio di mostrare una replica della statua e della targa commemorativa; L'equipaggio di Apollo 15  fu d'accordo a condizioni che il display fosse stato di buon gusto e senza pubblicità. Scott si impegnò ad ottenere le repliche per il museo.

Nel marzo 1972, Scott inviò la replicha della targa al museo. Nell'aprile dello stesso anno, rispondendo alla richiesta di Scott, Van Hoeydonck presentò al museo una replica della statuetta. Le repliche sono attualmente esposte.

Nel maggio 1972, Scott apprese che altre repliche della statuetta erano state offerte per la vendita, scrisse a Van Hoeydonck chiedendogli di controllare questa notizia. Nella sua risposta, Van Hoeydonck confermò che le repliche erano state destinate alla vendita indicando di non avere nessun vincolo o restrizione in materia. L'equipaggio dell'Apollo 15, fortemente in disaccordo con questa posizione, ritenendo che il loro solenne accordo con Van Hoeydonck vietasse una tale commercializzazione.

In seguito 950 repliche della figurina "Fallen Astronaut" firmate dallo scultore sono state pubblicizzate per la vendita dalla Galleria Waddell di New York ad un prezzo di 750 dollari a testa.

Lo sfruttamento economico delle missioni lunari (vedi anche le buste portate di nascosto sulla luna) fece infuriare la NASA che diede la colpa all'equipaggio con inevitabile esclusione dalla rotazione dei voli.  Luigi Pizzimenti

Una delle 950 riproduzioni

mercoledì 2 agosto 2017

Il Col. Walter Cunningham Apollo 7 in Italia 11 e 12 nov. 2017


SHERATON MALPENSA 

11/12 NOVEMBRE 2017

Scrivere a: info@adaa.it

L'Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica ADAA è lieta di annunciare che SABATO 11  e DOMENICA 12 novembre  2017 ospiterà in Italia l’astronauta Walter "Walt" Cunningham, LMP della Missione Apollo 7.  Un evento unico. Due giorni immersi nell'avventura più grande dell'umanità! A quasi 50 anni dal suo storico volo; Walt Cunningham ricorderà la sua incredibile missione. Godetevi l’emozione del racconto da parte di uno dei "Ragazzi della Luna".




   

Apollo 7 Astronaut:
Col. Walter "Walt" Cunningham

Col. Walt Cunningham
Walter Cunningham ha frequentato la Venice High School di Venice (California) Nel 1951 si arruolò come volontario presso la marina militare americana - Navy - e nel 1952 iniziò il suo addestramento da pilota. Superò le 4500 ore di volo, di cui oltre 3400 iin aerei jet. Nel 1963 venne scelto dalla NASA con il terzo gruppo di astronauti. L'11 ottobre 1968 partecipò alla missione di Apollo 7,era la prima volta che gli americani lanciavano tre uomini in orbita terrestre.

La missione Apollo 7 fu un test di volo importante, perché furono provate nello spazio tutte le modifiche apportate dopo la tragedia di Apollo 1, l’equipaggio, composto da: Walter "Wally" Schirra, Donn Eisele e Walter "Walt" Cunningham testò per la prima volta nello Spazio l’affidabilità del navicella Apollo. Furono effettuate le prime prove di manovra e la simulazione dell’estrazione del LM (modulo lunare) dalla stiva, si provò più volte l’accensione e lo spegnimento del motore dello SPS (modulo di servizio) vitale per poter tornare sulla Terra. Furono inviate le prime immagini TV in diretta dall’interno della capsula, fu testato un telescopio collegato a un computer e un sestante per la navigazione stellare. Fondamentali furono i test delle celle a combustibile che producevano elettricità e acqua, del portellone di uscita del modulo di comando e dello scudo termico per il rientro della capsula nell’atmosfera terrestre.

La missione Apollo 7 non fu solamente la dimostrazione dell'idoneità al volo della navicella spaziale, ma anche di tutte le procedure collegate, come l'assemblaggio del razzo vettore, i preparativi di lancio e la direzione di volo. Apollo 7 raggiunse il 100% degli obbiettivi e fu dunque il primo passo per riuscire nell'intento di portare l'uomo sulla Luna entro la fine del decennio, e mantenere la promessa fatta dal Presidente John Fitzgerald Kennedy il 25 maggio 1961 "Abbiamo scelto di andare sulla Luna e di fare altre cose, non perché sono facili, ma perché sono difficili". Alla fine del decennio mancavano solamente 14 mesi, ma il primo passo era compiuto.

PROGRAMMA

SABATO 11 novembre 2017: CONFERENZA                                                  
Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel & Conference Centre

13.00 – 13.30: Registrazione 
13.30 – 14.30: Servizio Fotografico                                                                                                             14.30 – 16.00: Conferenza e Q&A session. Trad. Paolo Attivissimo.                                                                 16.15 – 17,15: Sessione autografi 

DOMENICA 12 novembre 2017: PRANZO DI GALA 
Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel & Conference Centre

11.30 – 12.00: Registrazione                                                                                                             12.00 – 13.00: Aperitivo con Walt Cunningham. (Gold e Vip pass)                                                 13.00 – 15.00: Pranzo di Gala                                                                                                          15.15 – 16.00: Sessione Autografi 
Al momento della prenotazione si prega di indicare se si ha necessità di menù vegetariano e/o gluten free.


LOGISTICA

Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel & Conference Centre
Tassa di soggiorno € 1,50 per persona a notte.
Le suddette tariffe sono inclusive di IVA al 10% colazione a buffet è inclusa nella tariffa della camera. Le tariffe scontate saranno disponibili fino ad esaurimento posti.
L’Hotel dispone di una convenzione con i parcheggi P3 e P2 dell’aeroporto come segue:
  • 50% di sconto per soste inferiori a 15 ore
  • 30% di sconto per soste superiori a 15 ore
  • Per accedere allo sconto, prima di uscire fate timbrare il vostro ticket dalla reception.

                     Walt Cunningham Apollo 7 in Italy
L’Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica ADAA is pleased to announce that Saturday 11 and Sunday 12 November 2017 will host the astronaut Walter “Walt” Cunningham, LMP Apollo 7 in Italy.
A unique event. Two days immersed in the greatest adventure of humanity! Almost 50 years after his historical flight; Walt Cunningham will remember his incredible mission. Enjoy the emotion of the tale by one of the “Boys of the Moon.
Saturday, November, 11, 2017: Lecture 
Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel & Conference Centre
13.00 – 13.30: Registration
13.30 – 14.30: Photo session 
14.30 – 16.00: Lecture and Q&A session (15/20 min.)16.15 – 17,15: Autograph session 
Sunday, November, 12, 2017: 
Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel & Conference Centre
11.30 – 12.00: Registration
12.00 – 13.00: Cocktail with Walt Cunningham. (Gold e Vip pass)
13.00 – 15.00: Launch
15.15 – 16.00: 
Autograph session 

For more informations write to: info@adaa.it



Sponsor by: